background map
Torna alla lista

M/Y ALIBABA

FLY 60
Dotazioni
Aria condizionata
Aria condizionata
Audio video
Audio video
Cambusa
Cambusa
Capitano
Capitano
Doccia esterna
Doccia esterna
Tendalini
Tendalino
Tender
Tender
Sup
Sup
Layout
Azimut60_pianigenerali_giugno22-min – Flybridge-min
Flybridge
Azimut60_pianigenerali_giugno22-min – Maindeck-min
Maindeck
Azimut60_pianigenerali_giugno22-min – Lower deck-min
Lowerdeck

Dati tecnici

Principali specifiche tecniche
Progetto
Alloggi
Performance
Capacità serbatoi
Il tuo yacht
ti aspetta
Concludi la prenotazione del tuo Charter online o rivolgiti al nostro servizio di concierge dedicato, che sarà lieto di supportarti.
FAQ Azimut Charter Club
Visita Supporto

Per ulteriori domande, contatta Azimut Charter Club. Saremo lieti di fornirti tutte le informazioni che desideri.

IL NOSTRO CONCIERGE È A DISPOSIZIONE PER TE

Se lo desideri, un concierge dedicato sarà lieto di supportarti nella prenotazione del Charter dello yacht Azimut che preferisci.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa sulla privacy di Azimut Benetti S.p.A.

* campi obbligatori

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Compila il form per ricevere maggiori informazioni su M/Y ALIBABA oppure consulta la pagina di Supporto dedicata

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa sulla privacy di Azimut Benetti S.p.A.

* campi obbligatori
Chiudi
CONTRATTO DI AZIMUT CHARTER CLUB

ARTICOLO 1 –  OGGETTO

1.1 Il Proprietario si impegna a noleggiare lo Yacht al Charterer e a non stipulare altri contratti per il Charter dello Yacht in relazione al medesimo periodo.

1.2 Il Charterer accetta di noleggiare lo Yacht e dovrà corrispondere il Prezzo del Charter, la Cassa di Bordo (C.D.B.), la Cauzione e qualsiasi altro onere concordato, in fondi liquidati, entro e non oltre le date e sul Conto Corrente dedicato di Azimut Yachts specificati nel presente Contratto.

ARTICOLO 2 –  CONSEGNA E RICONSEGNA

2.1 All’inizio del Periodo del Charter il Proprietario dovrà consegnare lo Yacht libero da gravami al Porto di Partenza in conformità con i requisiti del suo Stato di bandiera e il Charterer dovrà prendere in consegna lo Yacht in piena efficienza e in ordine. Lo Yacht dovrà essere assicurato, idoneo alla navigazione, pulito, in buone condizioni e pronto per il servizio, con un equipaggiamento completo, compresi i dispositivi di sicurezza e di salvataggio aggiornati (compresi i giubbotti di salvataggio per i bambini, se presenti nel Gruppo del Charterer), come richiesto dall’autorità di immatricolazione dello Yacht e allestito in modo appropriato per uno Yacht delle sue dimensioni e del suo tipo e in modo tale da consentire al Charterer di utilizzare lo Yacht come indicato nell’articolo 13. Il Proprietario non garantisce l’uso e il comfort dello Yacht in condizioni meteorologiche avverse per tutte le crociere o i passaggi all’interno dell’Area di Navigazione.

2.2 Il Charterer dovrà riconsegnare lo Yacht al Proprietario nel Porto di Arrivo, libero da qualsiasi debito contratto per conto del Charterer durante il Periodo del Charter e in buone condizioni come al momento della consegna, fatta eccezione per la normale usura derivante dall’uso ordinario. Il Charterer potrà, se lo desidera, riconsegnare lo Yacht al Porto di Arrivo e sbarcare prima della fine del Periodo del Charter, ma tale riconsegna anticipata non darà diritto al Charterer ad alcun rimborso del Prezzo del Charter.

ARTICOLO 3 – AREA DI NAVIGAZIONE

3.1 Il Charterer dovrà limitare la navigazione dello Yacht all’interno dell’Area di Navigazione e nelle regioni dell’Area di Navigazione in cui lo Yacht è giuridicamente autorizzato a navigare. Il Charterer dovrà inoltre limitare il tempo di navigazione a una media di sei (6) ore al giorno, a meno che il Capitano, a sua esclusiva discrezione, non accetti di superare questo limite.

3.2 Il Capitano e/o il Concessionario faranno ogni ragionevole sforzo per accogliere la richiesta di ormeggio del Charterer, ma in ogni caso il Capitano e/o il Proprietario e/o il Concessionario e/o Azimut Yachts (se del caso) non potranno essere ritenuti responsabili per l’indisponibilità dell’ormeggio.

ARTICOLO 4 –  NUMERO MASSIMO DI OSPITI – RESPONSABILITÀ PER I BAMBINI – SALUTE DEL GRUPPO DEL CHARTERER

4.1 Nel corso del Periodo del Charter, il Charterer non potrà consentire in nessun momento più del Numero massimo di Ospiti a Bordo più, a esclusiva discrezione del Capitano, un numero ragionevole di visitatori mentre lo Yacht è ormeggiato in sicurezza nel porto o all’ancora, ovvero come consentito dall’autorità competente.

4.2 Qualora vengano imbarcati bambini, il Charterer sarà pienamente responsabile della loro condotta e del loro intrattenimento e nessun membro dell’Equipaggio potrà essere ritenuto responsabile della loro condotta o del loro intrattenimento.

4.3 Il Charterer garantisce l’idoneità medica di tutti i membri del Gruppo del Charterer per il viaggio previsto dal presente Contratto. Il Charterer si impegna a munirsi di tutti i visti e le vaccinazioni necessarie per i paesi da visitare per sé e per i suoi ospiti.

ARTICOLO 5 –  EQUIPAGGIO

5.1 Il Concessionario dovrà fornire un Capitano qualificato in conformità ai requisiti dello Stato di bandiera dello Yacht e accettabile dagli assicuratori dello Yacht. Dovrà inoltre mettere a disposizione un Equipaggio adeguatamente qualificato e formato. Il Capitano e l’Equipaggio si impegnano a rispettare le leggi e i regolamenti di tutti i Paesi nelle cui acque lo Yacht entrerà nel corso del presente Contratto. L’Equipaggio ha diritto a un minimo di riposo in conformità al Codice di condotta dello Yacht, che ricomprende la Convenzione sul lavoro marittimo (CLM) del 2006.

5.2 Il Capitano e l’Equipaggio sono tenuti a mantenere sempre riservate tutte le informazioni relative al Charter, al Proprietario, al Charterer e a tutti gli ospiti e nessuna informazione potrà essere divulgata a terzi senza il previo consenso scritto del Charterer.

ARTICOLO 6 –  AUTORITÀ E RESPONSABILITÀ DEL CAPITANO

6.1 Il Capitano dovrà attenersi a tutti gli ordini ragionevoli a lui impartiti dal Charterer in merito alla gestione, al funzionamento e al movimento dello Yacht, ove il vento, le condizioni meteorologiche e le altre circostanze lo consentano. Il Capitano non sarà tuttavia tenuto a rispettare alcun ordine che, secondo il ragionevole parere del Capitano, potrebbe comportare lo spostamento dello Yacht in un porto o in un luogo non sicuro e adeguato, o che potrebbe comportare la mancata riconsegna dello Yacht da parte del Charterer alla scadenza del Periodo del Charter, o che, secondo il ragionevole parere del Capitano, potrebbe causare una violazione di qualsiasi articolo del presente Contratto. Inoltre, fermo restando qualsiasi altro rimedio del Proprietario e del Concessionario, qualora, secondo il ragionevole parere del Capitano, il Charterer o uno dei suoi ospiti non osservino una qualsiasi delle disposizioni dell’Articolo 13 e ove tale inadempienza persista dopo che il Capitano abbia fornito al Charterer la dovuta e specifica diffida scritta in merito, il Capitano dovrà informare il Concessionario/Proprietario e il Concessionario/Proprietario potrà porre fine al Charter immediatamente ovvero ordinare al Capitano di restituire lo Yacht al Porto di Arrivo e una volta effettuata la restituzione il Periodo del Charter sarà terminato. Il Charterer e i suoi ospiti dovranno sbarcare dopo che il Charterer avrà saldato tutte le spese in sospeso con il Capitano e il Charterer non avrà diritto ad alcun rimborso del Prezzo del Charter.

6.2 Per quanto concerne in particolare l’utilizzo delle attrezzature per gli sport acquatici, il Capitano avrà facoltà di escludere il Charterer ovvero alcuni o tutti i suoi ospiti dall’utilizzo di una particolare attrezzatura per gli sport acquatici ove non siano sicuri, qualora si comportino in modo irresponsabile, ovvero qualora siano sotto l’influenza dell’alcool ovvero ancora qualora non dimostrino la dovuta attenzione per gli altri ospiti o gli oggetti durante l’utilizzo di tale attrezzatura.

6.3 Il Capitano dovrà comunicare immediatamente al Proprietario, al Concessionario e ad Azimut Yachts eventuali guasti, disfunzioni, cambi di equipaggio, incidenti o altri inconvenienti significativi che si verifichino durante il Periodo del Charter.

ARTICOLO 7 – COSTI OPERATIVI

7.1 Il Prezzo del Charter ricomprende il noleggio dello Yacht con tutte le sue attrezzature in stato di funzionamento, gli attrezzi, le scorte, i materiali di pulizia e le scorte di consumo di base per la sala macchine, il ponte, la cucina e le cabine, la lavanderia della biancheria di bordo, il compenso del Capitano e i salari, le uniformi e il vitto dell’Equipaggio, l’assicurazione dello Yacht e dell’Equipaggio come previsto dall’Articolo 16.

7.2 Il Charterer dovrà corrispondere la Cassa di Bordo (C.D.B.), che ricomprende, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, il trasporto a terra; il carburante per i motori principali e i generatori; il carburante per i tender e le attrezzature per gli sport acquatici; il cibo e tutte le bevande per il Charterer e i suoi ospiti; le tasse di ormeggio e altre spese portuali, ivi inclusi i compensi dei piloti, le tasse locali, i compensi dei sommozzatori, le formalità doganali e qualsiasi spesa per lo smaltimento dei rifiuti, le spese per l’acqua e l’elettricità prelevate da terra; i compensi degli agenti marittimi, ove applicabili; la lavanderia personale; le comunicazioni e l’utilizzo di Internet da parte del Charterer e dei suoi ospiti; e i costi di noleggio o di acquisto di qualsiasi attrezzatura speciale collocata a bordo su richiesta del Charterer.

7.3 Oltre alla C.D.B., potrà essere richiesto il pagamento di spese straordinarie, quali requisiti o attrezzature speciali, trasporto a terra o escursioni o qualsiasi altra spesa non considerata abitualmente parte dei costi operativi dello Yacht, tramite il Conto Corrente dedicato di Azimut Yachts in anticipo ovvero al Capitano al momento dell’imbarco.

7.4 Dopo aver corrisposto la C.D.B. tramite il Conto Corrente dedicato di Azimut Yachts, il Charterer sarà informato dal Capitano, a intervalli, sull’esborso della C.D.B. e, ove il saldo residuo divenga insufficiente alla luce delle spese effettive dimostrate da ricevute, il Charterer dovrà corrispondere al Capitano una somma sufficiente a mantenere un saldo attivo adeguato. Il Concessionario dovrà garantire che il Capitano eserciti la dovuta diligenza nella spesa della C.D.B. Eventuali spese o commissioni relative al trasferimento della C.D.B. allo Yacht saranno a carico del Charterer. I tassi di cambio, ove applicabili, non potranno essere garantiti.

7.5 Prima dello sbarco al termine del Periodo del Charter, il Capitano dovrà presentare al Charterer un resoconto dettagliato delle spese, con il maggior numero possibile di ricevute di supporto, e il Charterer dovrà corrispondere al Capitano il saldo delle spese ovvero il Capitano dovrà rimborsare al Charterer l’eventuale saldo pagato in eccesso, a seconda dei casi.

7.6 Il pagamento con assegni, carte di credito o altri titoli di pagamento non è di norma accettabile a causa della natura itinerante del programma stagionale dello Yacht e il Charterer deve pertanto assicurarsi di avere a disposizione fondi sufficienti per coprire tutte le spese prevedibili ovvero depositare fondi aggiuntivi presso Azimut Yachts.

ARTICOLO 8 –  RITARDO NELLA CONSEGNA

8.1 Qualora, per cause di forza maggiore (come definite all’Articolo 21), il Proprietario non consegni lo Yacht al Charterer presso il Porto di Partenza all’inizio del Periodo del Charter e la consegna venga effettuata entro quarantotto (48) ore dalla data di inizio prevista, ovvero entro un decimo (1/10) del Periodo del Charter, a seconda di quale sia il periodo più breve, il Proprietario dovrà corrispondere al Charterer un rimborso del Prezzo del Charter a una tariffa giornaliera proporzionale ovvero, se concordato reciprocamente, il Proprietario dovrà concedere una proroga proporzionale del Periodo del Charter.

8.2 Qualora per cause di forza maggiore il Proprietario non consegni lo Yacht entro quarantotto (48) ore o un periodo equivalente a un decimo (1/10) del Periodo del Charter, presso il Porto di Partenza, a seconda di quale sia il periodo più breve dal momento della consegna, il Charterer avrà il diritto di considerare risolto il presente Contratto. Il rimedio esclusivo a favore del Charterer sarà il rimborso immediato senza interessi dell’intero importo di tutti i pagamenti da esso effettuati ai sensi del presente Contratto. In alternativa, ove le Parti si accordino reciprocamente, il Periodo del Charter potrà essere prolungato di un periodo equivalente al ritardo ovvero rinviato a una data concordata.

ARTICOLO 9 –  RITARDO NELLA RICONSEGNA

9.1 Qualora la riconsegna dello Yacht venga ritardata per cause di forza maggiore, la riconsegna dovrà essere effettuata il prima possibile e nel frattempo le condizioni del presente Contratto resteranno in vigore, ma senza penali o oneri aggiuntivi a carico del Charterer.

9.2 Qualora il Charterer non riconsegni lo Yacht al Proprietario presso il Porto di Arrivo a causa di un ritardo intenzionale o di un cambio di itinerario contro il parere del Capitano, il Charterer dovrà corrispondere immediatamente al Proprietario tramite il Conto Corrente dedicato di Azimut Yachts la penale per il ritardo alla tariffa giornaliera più il cinquanta per cento (50%) della tariffa giornaliera. Il Charterer sarà responsabile di tutti i costi operativi di cui all’Articolo 7 e dovrà indennizzare il Proprietario in relazione a qualsiasi perdita o danno che il Proprietario dovesse subire a causa della privazione dell’utilizzo dello Yacht o dell’annullamento o del ritardo nella consegna di qualsiasi successivo Charter dello Yacht.

ARTICOLO 10 – ANNULLAMENTO DA PARTE DEL CHARTERER – MANCATO PAGAMENTO DI QUALSIASI IMPORTO DOVUTO DAL CHARTERER

10.1 Nel caso in cui il Charterer eserciti il suo diritto di annullamento discrezionale entro quattordici (14) giorni dalla prenotazione, gli verrà interamente rimborsata l’Acconto Prenotazione versato. Nel caso in cui il Charterer esprima l’intenzione di non proseguire con il Charter in qualsiasi momento prima dell’inizio del Periodo del Charter, le altre Parti del presente Contratto avranno il diritto, pro quota, di ritenere parzialmente o totalmente il Prezzo del Charter come segue:

  1. i) Dopo la firma del presente Contratto e il pagamento della Prima Quota, ma prima della scadenza della Seconda Quota, tutte le altre Parti avranno diritto a ritenere proporzionalmente il 50% della quota del Prezzo del Charter della Prima Quota.
  2. ii) Dopo il pagamento della Prima Quota e la scadenza del termine di pagamento della Seconda Quota, tutte le altre Parti avranno diritto a ritenere proporzionalmente il 100% della quota del Prezzo del Charter della Prima Quota.

iii) Dopo il pagamento della Prima e della Seconda Quota, ma senza che il Charterer si sia presentato, tutte le altre Parti avranno il diritto di ritenere proporzionalmente il 100% della quota del Prezzo del Charter della Prima Quota.

10.2 Laddove il Charterer non corrisponda, dopo aver ricevuto una diffida scritta dal Proprietario, qualsiasi importo dovuto ai sensi del presente Contratto, il Proprietario si riserva il diritto di considerare il presente Contratto come inadempiuto dal Charterer e di ritenere l’intero importo di tutti i pagamenti e di recuperare tutte le somme non pagate e dovute fino alla data dell’inadempimento.

10.3 Fermo restando il diritto di Azimut Yachts, del Proprietario e del Concessionario di ricevere o ritenere tutti i pagamenti di cui sopra, sia a causa dell’annullamento che del mancato pagamento, il Proprietario avrà il dovere di mitigare la perdita del Charterer e nel caso in cui il Proprietario sia in grado di ri-noleggiare lo Yacht per tutto o parte del Periodo del Charter ai sensi del presente Contratto, il Proprietario dovrà accreditare l’importo netto del charter derivante da tale ri-noleggio dopo aver dedotto tutte le commissioni e le altre spese conseguenti derivanti da tale ri-noleggio. Il Proprietario dovrà fare del suo meglio per ri-noleggiare lo Yacht e non potrà negare in modo irragionevole il suo consenso al ri-noleggio, ferma restando la facoltà di rifiutare i noleggi che possono ragionevolmente essere considerati dannosi per lo Yacht, la sua reputazione, l’Equipaggio del Concessionario o il suo programma.

Laddove, prima della data di annullamento, lo Yacht abbia assunto disposizioni per il Charter ovvero abbia utilizzato la C.D.B. come indicato a Pagina Uno del presente Contratto, il Charterer dovrà sostenere dette spese a meno che tutte o parte di esse non possano essere rimborsate dal fornitore o trasferite al Charter successivo, nel qual caso saranno adeguate di conseguenza. Il Capitano e il Proprietario avranno il dovere di ridurre tali spese, ove possibile.

10.4 Qualora, dopo la firma del presente Contratto, il Proprietario venga dichiarato fallito o, nel caso di una società, venga nominato un liquidatore, un curatore o un amministratore su tutti o parte dei beni del Proprietario, il Charterer avrà il diritto di annullare il Charter e tutte le somme corrisposte al Proprietario, al suo agente o ad Azimut Yachts ai sensi del presente Contratto dovranno essere rimborsate senza ulteriori detrazioni.

ARTICOLO 11 – ANNULLAMENTO DA PARTE DEL PROPRIETARIO

11.1 Il Proprietario dovrà garantire la disponibilità dello Yacht per il Periodo del Charter. Qualsiasi violazione di tale obbligo costituisce un inadempimento del presente Contratto e comporta la responsabilità esclusiva del Proprietario per eventuali danni subiti. In particolare, il Contratto si intenderà risolto nei confronti del Proprietario con decadenza di qualsiasi diritto maturato a favore del Proprietario e il Charterer avrà diritto all’immediato rimborso senza interessi dell’intero importo di tutti i pagamenti da esso effettuati ai sensi del presente Contratto, salvo il suo diritto a richiedere il risarcimento di altri danni conseguenti al Proprietario.

11.2 Ove Azimut Yachts e/o il Concessionario siano in grado di organizzare un altro Charter alle stesse condizioni, il Contratto sarà modificato di conseguenza tramite un Addendum, altrimenti si riterrà risolto nei confronti di tutte le Parti.

ARTICOLO 12 –  GUASTI O DISFUNZIONI

12.1 Qualora, successivamente alla consegna, lo Yacht sia in qualsiasi momento inattivo a causa di un guasto ai macchinari, incaglio, collisione o altra causa tale da impedire un ragionevole utilizzo dello Yacht da parte del Charterer per un periodo compreso tra dodici (12) e quarantotto (48) ore consecutive o un decimo (1/10) del Periodo del Charter, a seconda di quale periodo sia il più breve (e se l’inattività non sia stata causata da un atto o da un’inadempienza del Charterer), il Proprietario dovrà rimborsare proporzionalmente il Prezzo del Charter per il periodo di inattività o, se reciprocamente concordato, dovrà consentire una proroga proporzionale del Periodo del Charter corrispondente al periodo di inattività. Ove il Charterer intenda applicare il presente articolo, dovrà darne immediata comunicazione al Capitano direttamente (o tramite il Concessionario). Il Charterer non sarà responsabile per i costi aggiuntivi relativi all’immobilizzazione dello Yacht, ma rimarrà responsabile delle normali spese nel corso del periodo di inattività.

12.2 In caso di perdita totale effettiva o presunta dello Yacht o qualora lo Yacht sia inattivo come sopra per un periodo consecutivo di oltre quarantotto (48) ore o un decimo (1/10) del Periodo del Charter, a seconda di quale sia il periodo più breve, il Charterer potrà risolvere il presente Contratto mediante comunicazione scritta al Proprietario tramite Azimut Yachts ovvero al Capitano qualora non sia disponibile alcun mezzo di comunicazione. Entro due (2) giorni lavorativi da tale risoluzione, il Prezzo del Charter dovrà essere rimborsato dal Proprietario proporzionalmente senza interessi in relazione alla parte del Periodo del Charter che residua dopo la data e l’ora in cui si è verificata la perdita o l’inattività. Ove abbia luogo tale risoluzione, il Charterer potrà riconsegnare lo Yacht rinunciando al possesso dello Yacht nel luogo in cui esso si trova. Il Charterer avrà il diritto di recuperare dal Proprietario i ragionevoli costi di rientro del Charterer e dei suoi ospiti presso il Porto di Arrivo unitamente alle spese di alloggio ragionevolmente sostenute.

12.3 In alternativa, dopo un periodo consecutivo di inattività superiore a quarantotto (48) ore o a un decimo (1/10) del Periodo del Charter, a seconda di quale periodo sia il più breve, e a seconda della natura e della gravità dell’inattività, di comune accordo il Charterer potrà scegliere di rimanere a bordo per tutta la durata del Periodo del Charter e il Charterer non avrà alcun ulteriore diritto nei confronti del Proprietario.

ARTICOLO 13 – UTILIZZO DELLO YACHT

13.1 Il Charterer dovrà rispettare, e dovrà garantire che gli ospiti rispettino, le leggi e i regolamenti di qualsiasi paese nelle cui acque lo Yacht entrerà nel corso del presente Contratto.

Il Charterer dovrà garantire che nessun animale domestico o di altro tipo venga portato a bordo dello Yacht senza il consenso scritto del Proprietario.

Il Charterer dovrà garantire che il comportamento del Charterer e dei suoi ospiti non arrechi disturbo a nessuno e non arrechi discredito allo Yacht.

Lo Yacht non potrà essere utilizzato per servizi fotografici o cinematografici commerciali di qualsiasi natura, salvo autorizzazione scritta del Proprietario.

Se non diversamente concordato, il fumo dovrà essere limitato alle aree esterne dello Yacht designate dal Capitano.

Sarà consentito solo il Rendezvous diving, a meno che non sia indicato diversamente nelle condizioni speciali.

Lo Yacht applica una politica di tolleranza zero e il possesso o l’utilizzo di droghe illegali o di armi (ivi incluse le armi da fuoco) è severamente vietato a bordo dello Yacht. L’inadempimento a quanto sopra costituirà motivo sufficiente per il Proprietario per risolvere immediatamente il Charter senza alcun rimborso o rivalsa nei confronti del Proprietario, di Azimut Yachts ovvero del Concessionario.

13.2 Il Capitano dovrà richiamare tempestivamente l’attenzione del Charterer su qualsiasi violazione delle presenti condizioni da parte sua o dei suoi ospiti e, ove tale comportamento persista anche dopo l’avvertimento, il Capitano dovrà informare il Proprietario o Azimut Yachts, e il Proprietario potrà, mediante comunicazione scritta al Charterer, risolvere il presente Contratto in conformità all’Articolo 6.

13.3 Ove il Charterer o uno qualsiasi degli ospiti commetta un reato contrario alle leggi e ai regolamenti di qualsiasi paese, che comporti (i) la detenzione, l’ammenda o l’imprigionamento di un membro dell’Equipaggio dello Yacht del Concessionario, il Charterer dovrà tenere indenne il Concessionario da tutte le perdite, i danni e le spese sostenute dal Concessionario a causa di ciò; ovvero (ii) che lo Yacht venga trattenuto, arrestato, sequestrato o multato, il Charterer dovrà tenere indenne il Proprietario da tutte le perdite, i danni e le spese sostenute dal Proprietario a causa di ciò e il Proprietario potrà, mediante comunicazione al Charterer, risolvere immediatamente il presente Contratto.

ARTICOLO 14 – DIVIETO DI CESSIONE

Il Charterer non potrà cedere il presente Contratto, sub-noleggiare lo Yacht ovvero assumerne il controllo senza il consenso scritto del Proprietario, consenso che potrà essere concesso alle condizioni che il Proprietario riterrà opportune.

ARTICOLO 15 –  VENDITA DELLO YACHT

15.1 Nel caso in cui il Proprietario decida di vendere lo Yacht dopo la firma del presente Contratto di Charter, ma prima della consegna al Charterer, il Proprietario dovrà immediatamente, dopo aver stipulato un contratto di vendita dello Yacht, comunicare per iscritto tale vendita al Charterer tramite Azimut Yachts. Le relative informazioni saranno mantenute strettamente riservate da tutte le parti dei Contratti.

15.2 In caso di vendita dello Yacht si applicherà una delle seguenti disposizioni:

  1. i) Il Proprietario dovrà fare in modo che l’Acquirente esegua il Charter agli stessi termini e condizioni mediante la firma di un apposito contratto di cessione. Nel caso in cui l’Acquirente subentri nel Charter agli stessi termini e condizioni, non vi sarà alcuna penale nei confronti del Proprietario e nessuna provvigione aggiuntiva dovuta ad Azimut Yachts.
  2. ii) Qualora l’Acquirente non sia disposto o non sia in grado di adempiere al Contratto di Charter, il presente Contratto di Charter sarà considerato come annullato dal Proprietario in conformità all’Articolo 11. Tutti i pagamenti effettuati dal Charterer gli saranno prontamente rimborsati per intero senza alcuna deduzione, salvo il diritto di richiedere al Proprietario il risarcimento di altri danni conseguenti.

 
ARTICOLO 16 –  ASSICURAZIONE

16.1 Per tutta la durata del presente Contratto, il Proprietario dovrà assicurare lo Yacht con assicuratori di primario standing contro tutti i rischi usuali per uno Yacht di dimensioni, valore e tipologia come quelli dello Yacht, con una copertura non inferiore a quella prevista dalle Institute Yacht Clauses 1.11.85 ovvero da altre condizioni riconosciute estese per fornire l’Autorizzazione al Charter e per coprire la responsabilità civile verso terzi, le responsabilità degli sciatori d’acqua e le responsabilità derivanti dall’utilizzo da parte del Charterer e di altri soggetti competenti da esso autorizzati di moto d’acqua, ivi incluse moto d’onda e altre imbarcazioni a motore simili, nonché windsurf, derive, catamarani o altre attrezzature per sport acquatici trasportate dallo Yacht. L’assicurazione dovrà coprire inoltre le ipotesi di Guerra, Scioperi, Inquinamento. Il Charterer rimarrà responsabile per qualsiasi perdita, danno o responsabilità derivante da qualsiasi atto di negligenza del Charterer o dei suoi ospiti e non recuperabile dal Proprietario in virtù della sua assicurazione. L’assicurazione dovrà essere stipulata alle condizioni e con la franchigia usuali per uno Yacht di dimensioni, valore e tipologia come quelli dello Yacht. Ove il noleggio dello Yacht non sia coperto dalla copertura assicurativa dello Yacht, il solo Proprietario sarà responsabile di tutti i costi e le spese eventualmente addebitati alle altre Parti del presente Contratto che la copertura estesa avrebbe rimborsato.

16.2 Il Concessionario dovrà fornire e includere l’assicurazione dell’Equipaggio contro gli infortuni e/o le responsabilità verso terzi subiti durante lo svolgimento del lavoro. Il Charterer rimarrà responsabile per qualsiasi perdita, danno o responsabilità derivante da qualsiasi atto di negligenza del Charterer o dei suoi ospiti e non recuperabile dal Concessionario in virtù della sua assicurazione.

16.3 Copie di tutta la documentazione assicurativa pertinente dovranno essere rese disponibili su richiesta ai fini dell’ispezione da parte del Charterer prima del Charter con un ragionevole preavviso e dovranno trovarsi a bordo dello Yacht.

16.4 Il Charterer dovrà stipulare un’assicurazione indipendente per gli effetti personali a bordo o a terra e per le spese mediche o di infortunio (ivi inclusa l’evacuazione di emergenza) sostenute.

16.5 Il Charterer è consapevole che né l’assicurazione di responsabilità civile del Charterer né l’assicurazione di annullamento e riduzione sono ricomprese nel presente Contratto.

ARTICOLO 17 – CAUZIONE

Se non diversamente previsto a Pagina Uno del presente Contratto, la Cauzione sarà detenuta da Azimut Yachts per conto del Proprietario e potrà essere utilizzata per, o a fronte di, la copertura di qualsiasi danno o responsabilità in cui il Charterer possa incorrere ai sensi di una qualsiasi delle disposizioni del presente Contratto. Se non necessaria, come confermato dal Capitano per iscritto ad Azimut Yachts, la Cauzione sarà rimborsata senza interessi al Charterer il primo giorno lavorativo successivo al termine del Periodo del Charter o dopo aver risolto tutte le questioni in sospeso, a seconda di quale sia la data successiva.

ARTICOLO 18 – SALVATAGGIO

Durante il Periodo del Charter, gli eventuali benefici derivanti da derelitti, salvataggi e rimorchi, dopo aver corrisposto la quota dell’Equipaggio e una quota del Prezzo del Charter durante il periodo in cui lo Yacht è impegnato a fornire assistenza per il salvataggio, e le spese inerenti a tale periodo direttamente correlate al salvataggio, saranno suddivisi in parti uguali tra il Proprietario e il Charterer.

ARTICOLO 19 – RECLAMI

Il Charterer dovrà comunicare qualsiasi reclamo in prima istanza al Capitano di bordo e occorrerà prendere nota dell’ora, della data e della natura del reclamo. Il Capitano dovrà informare il Concessionario/ Azimut Yachts non appena possibile. Qualora, tuttavia, il reclamo in questione non possa essere risolto a bordo dello Yacht, il Charterer dovrà darne comunicazione al Proprietario o ad Azimut Yachts entro ventiquattro (24) ore dall’evento o dall’accadimento, a meno che ciò non sia impossibile a causa di un guasto o della mancata disponibilità delle apparecchiature di comunicazione. Il reclamo potrò essere presentato in prima istanza verbalmente, ma dovrà essere confermato al più presto per iscritto, indicando la specifica natura del reclamo.

ARTICOLO 20 –  PAGAMENTO DEL PREZZO DEL CHARTER E DI ALTRE SOMME AL PROPRIETARIO

20.1 Tutte le somme dovute dal Charterer ad Azimut Yachts ai sensi del presente Contratto saranno corrisposte in Euro e, una volta corrisposte, saranno depositate sul Conto Corrente dedicato di Azimut Yachts. Da tali somme, Azimut Yachts dovrà detrarre e pagare tutte le somme dovute al Proprietario e al Concessionario, tramite bonifico bancario, non appena possibile successivamente al termine del Periodo del Charter, a meno che Azimut Yachts non abbia ricevuto una comunicazione scritta di reclamo da parte o per conto del Charterer. Una volta che Azimut Yachts abbia ricevuto una comunicazione di reclamo, Azimut Yachts sarà obbligata a trattenere il trenta per cento (30%) del Prezzo del Charter per un periodo di quattordici [14] giorni lavorativi. Qualora entro il suddetto periodo di quattordici [14] giorni lavorativi il reclamo del Charterer venga risolto, Azimut Yachts dovrà corrispondere al Proprietario l’importo trattenuto del Prezzo del Charter. Qualora dopo quattordici [14] giorni lavorativi nessuna delle parti abbia avviato un’azione legale, l’importo trattenuto del Prezzo del Charter dovrà essere corrisposto da Azimut Yachts al Proprietario il primo giorno lavorativo successivo al periodo di quattordici [14] giorni lavorativi di cui sopra. Ove sia stata intentata una causa, Azimut Yachts dovrà trattenere il saldo del Prezzo del Charter fino all’emissione di un’ordinanza o di una sentenza del Tribunale ovvero fino a quando la questione non sia stata risolta di comune accordo tra le parti.

20.2 La Cassa di Bordo (C.D.B.) dovrà essere trasferita da Azimut Yachts al Capitano ovvero al Concessionario per essere poi trasferita al Capitano prima dell’imbarco, tramite bonifico bancario. Eventuali spese straordinarie dovranno essere corrisposte su richiesta ad Azimut Yachts ovvero direttamente al Capitano.

ARTICOLO 21 – FORZA MAGGIORE

Nel presente Contratto per “forza maggiore” si intende qualsiasi causa direttamente imputabile ad atti, eventi, mancati eventi, omissioni, incidenti o cause di forza maggiore ovvero atti riconducibili ad autorità, ivi incluse le ordinanze in materia di sanità pubblica dovute a misure di quarantena o altro, al di fuori del ragionevole controllo del Proprietario, dell’Equipaggio o del Charterer (ivi inclusi, a titolo esemplificativo e non esaustivo, scioperi, serrate o altre controversie di lavoro, disordini civili, sommosse, atti di terrorismo, blocchi, invasioni, guerre, incendi, esplosioni, sabotaggi, tempeste, collisioni, incagli, nebbia, atti o regolamenti governativi, carburante contaminato, gravi guasti meccanici o elettrici al di fuori del controllo dell’Equipaggio e non causati da carenza di manutenzione e/o negligenza del Proprietario o dell’Equipaggio). Allorché venga invocata la forza maggiore in relazione a un guasto o a un’inattività, il Proprietario dovrà incaricare il Capitano o il rappresentante del Proprietario di presentare al Charterer o al rappresentante del Charterer una relazione tecnica dettagliata, una copia del registro di manutenzione dello Yacht, se del caso, e tutta la documentazione di supporto pertinente.

ARTICOLO 22 – LEGGE APPLICABILE, RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE E FORO COMPETENTE

22.1 Il presente Contratto e qualsiasi controversia o pretesa, ivi incluse le controversie o le pretese di natura extracontrattuale, derivanti da o in relazione ad esso o al suo oggetto o alla sua formazione, saranno disciplinati e interpretati in conformità al diritto inglese.

22.2 Fatto salvo quanto sopra, ciascuna parte accetta irrevocabilmente che i tribunali inglesi avranno la competenza esclusiva in ordine alla risoluzione di qualsiasi controversia o pretesa (ivi incluse le controversie o le pretese extracontrattuali) derivanti da o in relazione al presente Contratto o al suo oggetto o alla sua formazione. A meno che ciò non sia precluso da norme o indicazioni pratiche, tali procedimenti saranno avviati presso la Commercial Court di Londra.

22.3 In caso di controversia o divergenza derivante da o in relazione al presente Contratto, tutte le parti convengono che prima di avviare un procedimento giudiziario dovranno valutare in buona fede l’opportunità di tentare di risolvere tale controversia o divergenza con la mediazione o altre forme di risoluzione alternativa delle controversie. Nessuna delle parti potrà rifiutare una richiesta di mediazione presentata dall’altra senza informare la parte richiedente dei motivi del suo rifiuto.

22.4 In caso di notifica di un procedimento ad opera di una delle parti, Azimut Yachts, dopo aver ricevuto la notifica del relativo procedimento, non potrà disporre delle somme in suo possesso senza l’accordo di entrambe le parti o in conformità all’ordinanza del Tribunale ovvero alla sua sentenza definitiva. Le somme dovranno essere depositate in un conto cliente designato. Tale conto sarà fruttifero di interessi, laddove le norme bancarie nazionali lo consentano.

ARTICOLO 23 – PROVVIGIONE

23.1 La provvigione si considererà maturata a favore del Concessionario e di Azimut Yachts al momento della firma del presente Contratto da parte del Charterer e del pagamento dell’intero Prezzo del Charter da parte del Charterer, ma escluse le spese di gestione, ai sensi dell’Articolo 20 del presente Contratto, indipendentemente dal fatto che il Charterer sia o meno inadempiente per qualsiasi motivo, ivi inclusa la forza maggiore. In caso di annullamento da parte del Charterer, la provvigione sarà dedotta quale spesa dalle somme trattenute.

23.2 Qualora il Charterer dovesse prorogare il Charter, il Proprietario dovrà corrispondere una provvigione sul Prezzo del Charter lordo per la proroga, sulla stessa falsariga di quanto previsto all’articolo 23.1.

ARTICOLO 24 – LIMITAZIONE DI RESPONSABILITÀ  

Il Concessionario e Azimut Yachts nel presente Contratto non avranno alcuna responsabilità in relazione alle eventuali perdite, danni o lesioni alla persona o ai beni del Proprietario o del Charterer o dei loro ospiti, dipendenti o agenti; inoltre, il Concessionario e Azimut Yachts non avranno alcuna responsabilità in relazione ad eventuali errori di giudizio o di descrizione o altro, di qualsiasi natura e in qualsiasi modo si verifichino, e non avranno alcun obbligo, dovere o responsabilità nei confronti del Proprietario o del Charterer, ad eccezione di quanto stabilito nel presente Contratto. Il Proprietario e il Charterer dovranno indennizzare e manlevare in solido il Concessionario ed Azimut Yachts in relazione a qualsiasi perdita o danno subito da questi ultimi a causa di qualsiasi responsabilità del Concessionario e di Azimut Yachts nei confronti di terzi (persone, aziende, società o autorità) derivante dalla promozione o dall’introduzione del Charter, dall’assistenza nell’esecuzione del presente Contratto o dall’adempimento dei propri obblighi contrattuali da parte di Azimut Yachts.

ARTICOLO 25 – COMUNICAZIONI

Qualsiasi comunicazione fornita o da fornire ad opera delle Parti del presente Contratto dovrà essere effettuata in qualsiasi forma scritta e sarà considerata correttamente fornita se si dimostrerà che sia stata spedita e correttamente indirizzata per posta o servizio di corriere ovvero e-mail nel caso di Proprietario/Azimut Yachts/Concessionario, a ciascuno di essi ai loro indirizzi come indicati nel presente Contratto ovvero, nel caso del Charterer, al suo indirizzo come indicato nel presente Contratto o, se del caso, ad esso a bordo dello Yacht.

Firmo il contratto di Azimut Charter Club

ACCEDI

Accedi per visualizzare i dettagli del tuo profilo utente e lo stato delle tue prenotazioni.

Non ricordi più la tua password?